Loredana Borgogno

OlTRE LA VITTORIA.

Aprile 2021 – di Loredana Borgogno

Ciao ForOverSport, ben ritrovato.

Ci siamo già incontrati quando ti ho raccontato del mio grande amore, il Judo. Adesso permettimi di condividere la mia storia.

Mi chiamo Loredana Borgogno, Dana per gli amici. Donna oggi, ragazza ieri e, bambina ancora prima, innamorata dello sport e delle sfide, infatti ho praticato Judo per ben 45 anni di fila!

Cosa ho combinato in tutto questo tempo? Sin da giovane ho conquistato il mio “spazio”, arrivando a titoli internazionali di rilievo e conquistando numerose medaglie ai Campionati Italiani di categoria e Assoluti di Judo.

Ma la soddisfazione più grande è stata riconoscermi “atleta” con il passare degli anni, quando in tanti pensavano non ce la potessi più fare. Quando gli anni non sono più venti, nè trenta, e si va salendo oltre i quaranta, ci sono ancora molte risorse a cui si può attingere e tra cui passione e volontà.

Grazie a queste sono riuscita a conquistare nel 2016 un oro sia agli Europei di Porec sia ai Campionati Mondiali Master di Miami in Florida e ancora, nel 2017, un altro oro 2017 sia agli Europei di Zagabria , sia ai Campionati Mondiali Master di Ostia 2017.

Come ho fatto?

Ho creduto nella mente superando i limiti dell’età anagrafica e così facendo e ho superato tutte le avversarie in giro per il mondo e in differenti categorie! Certo, alle volte ho provato paura e avuto incertezze, tutto però mi ha poi ripagata con gioie e soddisfazioni indescrivibili. Anche perchè, grazie all’insegnamento appreso dalla mia esperienza di judoka, ho imparato che non c’è successo senza insuccesso e non c’è insuccesso senza successo, tutto fa parte del gioco.

Per questo il mio motto è diventato: non gareggio per vincere, ma vinco per gareggiare!

Ho dovuto superare molte difficoltà, in particolare la gara più complicata è stata a Porec, nel 2016, durante il Campionato Europeo Master.

A casa avevo lasciato una persona importante, parte della mia vita, malata gravemente che mi stava aspettando; ma sono dovuta salire lo stesso sul tatami, come atleta azzurro, senza pensare, gareggiando con la maturità di donna e la forza di atleta, sapendo che due gare contemporanee erano in atto. 

Ad ogni incontro avevo la tentazione di mandare un messaggio, per dirgli che piano piano mi avvicinavo a quel traguardo, da noi voluto. Stringevo i denti e i pugni, ho atteso di aver quel titolo, di stringere quella medaglia, di sentire l’inno italiano, che forse pochi pensavano potessi conquistare, prima di mandare un messaggio.

Io ce l’ho fatta sono salita sul podio, sul gradino più alto, lui no, lui è volato sì più in alto di me, ma così alto da non poter vedere cosa avevo combinato per me e per lui! 

Ecco l’età, in questi casi, è stata davvero una ricchezza, perché è riuscita a trasmettere forza al corpo teso e impaurito.

E quindi cosa dire, a tutte noi donne: non poniamo ostacoli a noi stesse, e soprattutto non facciamoli costruire da altri o da un numero su una carta di identità ☺!  Forza, esperienza e cuore, un trinomio imbattibile: le donne fanno tanto, ma le donne che fanno sport possono fare ancora di più.

Lo sport insegna a conoscere il corpo, lo sport insegna ad ascoltare e ascoltarsi, lo sport insegna che si può avere la forza di poter “perdere” e vincere contemporaneamente. Lo sport ha la forza di aprire le porte al sorriso!

Buon viaggio colleghe sportive e buon divertimento! Over over for ever over!

Loredana Borgogno.
Classe 1964, Campionessa Master Mondiale ed Europea di Judo.
Psicologa e Psicologa dello Sport.

Contatti

Tel: +39 3207143497

Seguila su

Rispondi