Chi siamo

Simo – Copywriter

47 anni di pallavolo, beach volley, trekking, sci, snowboard, corsa, vacanze in bici e tutti gli sport che ha potuto provare con alterne fortune: dal kite surfing al ping-pong, dallo stand-up paddle al nuoto.

Lavora come marketing manager in una multinazionale di automazione industriale. Ha due figli, due cani e un marito in rigoroso ordine di importanza, come direbbe il coniuge. 

Ama scrivere, la birra e le amiche. Odia perdere, persino a shanghai. 

Simo

Cilla – Art director

A 10 anni si avvicina alla pallavolo iniziando una love story che dura più di qualsiasi rapporto sentimentale immaginabile.  Oggi, a 41 anni, è responsabile del settore giovanile del Volley Almese.  Un anno fa decide che i 40 sono l’età giusta per ricominciare a giocare e si unisce all’Usato Garantito, vincendo, nel 2019, la medaglia d’oro agli European Master Games . Oltre alla pallavolo e al beach volley, che pratica da una decina di anni, adora lo snowboard.

Ama disegnare, mangiare, dormire e viaggiare e  non le piace pensare che tutto questo abbia limiti.

Cillla

Hylda – Web manager

All’età di 3 anni intraprende l’arte della danza, per ben una lezione. A ruota seguono nuoto, judo, kayak, sci, ma è la pallavolo il vero amore della sua vita. Si ferma a 28 anni a causa del suo lavoro e della nascita di 2 gemelle. Per anni continua l’allenamento sportivo fai-da-te specializzandosi in lancio dell’ascia e tiro della legna. Riprende l’attività pallavolistica a 43 anni nell’Usato Garantito, vincendo, nel 2019, la medaglia d’oro agli European Master Games e inizia a giocare a  beach volley a 45 anni, inseguendo il sogno di girare le spiagge del mondo con la sua socia Simo.

Uscita da quel 9×9 è una Web Graphic Designer con la passione per i gatti, per la cucina, per la pizza e per la birra come se non ci fosse un domani!

Hylda

Fabi – Social media

42 anni, zero figli, due gatti, un solo marito e un numero imprecisato di tatuaggi.  Il suo rapporto con lo sport è sempre stato del tipo: “ti spiace se rimaniamo solo amici?”.  Sin da piccola pratica nuoto anche se l’odore del cloro le fa girare la testa; si avvicina tardissimo allo sci, ma si infortuna quasi subito. Ritrova la retta via nelle ultime estati, scoprendo un’insana passione per le camminate in montagna. Lavora nel digital marketing di una multinazionale nel settore automotive. E’ volontaria Dynamo Camp e Asai (un’associazione torinese che si occupa di iniziative educative rivolte a bambini e adulti nei quartieri più vulnerabili di Torino).

Adora viaggiare, ama leggere e scrivere, sta lavorando al suo emozionante primo romanzo sulla sua noiosa vita.

Fabiola

Manu – Contatti e networking

Con una madre campionessa di ciclismo negli anni 60 e un papà tuttologo della Gazzetta dello Sport, nonché dirigente sportivo di squadre di calcio e ciclismo, nella sua famiglia ha sempre vissuto immersa nella passione per lo sport di tutti i tipi. Fino ai 10 anni nuota a livello agonistico, poi passa alla pallavolo che pratica fino al liceo.  Lo sport per lei ha sempre rappresentato un insieme di valori da applicare in ogni ambito della sua vita: grinta, sacrificio e spirito di squadra per raggiungere gli obiettivi di tutti i giorni.  Ancora ricorda con affetto gli insegnamenti dei suoi allenatori, che per lei sono state delle figure educative importantissime.  Oggi ha 47 anni, 3 figli, un lavoro a tempo pieno parecchio impegnativo, ma si ritaglia almeno un’ora al giorno per una camminata veloce o una corsetta senza impegno.  Ovviamente non ha la pretesa di essere competitiva, ma sente la necessità di muoversi per sentirsi meglio sia a livello fisico che mentale. 

Ama leggere, viaggiare, stare all’aria aperta e ridere con le amiche.

Manu