Elisabetta Maffeis

Elisabetta Maffeis

Seguila su

Nata a Cene in Val Seriana da una modesta famiglia di operai sono l’ultima di tre fratelli.

Mio padre Giovanni, da appassionato lettore della Gazzetta dello Sport, ci fa appassionare a tutti gli sport e in particolare al ciclismo.

Fin da giovanissima comincio a seguire in allenamento le squadre maschili di esordienti ed allievi, dove corre mio fratello Giuseppe, fino ad essere effettivamente tesserata nel 1963.

Sono stata tra le prime cicliste italiane ad aver indossato la maglia azzurra in vari mondiali (Nürburgring 1966, Imola 1968, Brno 1969, Leicester 1970, Mendrisio 1971, Gap 1972).

Nel 1970 con mio fratello Giuseppe Maffeis, siamo i primi fratelli nella storia a disputare i campionati del mondo di ciclismo su strada a Leicester (Inghilterra) nelle categorie femminile e dilettanti.

Il mio temperamento bergamasco, caparbio, testardo, combattivo e il motto “mola mia” mi ha accompagnato tutta la vita.

Pioniera del ciclismo negli anni ’60, di fatto non sono mai scesa dalla mia bicicletta e con la mia testimonianza cerco di combattere affinchè il ciclismo femminile venga equiparato in termini di sostegno e risalto da parte della federazione a quello maschile.

Ne è passato del tempo da quando le nostre gare venivano seguite solo per la curiosità di vedere delle ragazze in pantaloncini in sella ad una bicicletta, ma prima o poi ce la faremo ad essere finalmente equiparate ai nostri colleghi maschietti.